Storie delle famiglie

20/05/2019

A casa, lontani da casa

A casa, lontani da casa

Storia di Irene, mamma di Casa Ronald



Io, lui, noi

Ciao a tutti, mi chiamo Irene e sono la mamma di Ginevra e Diego e lui è il babbo, Daniele. Dodici anni fa con Daniele è andata così, amore a prima vista. Ci siamo conosciuti e ci siamo amati da subito, mi ha chiesto se volevo un figlio e io ho risposto di sì. Lo so, dall’esterno potrebbe sembrare una scelta affrettata, ma vi assicuro che è stata la migliore che potessi mai fare. Perché dopo nove mesi è arrivata lei, la mia melina, la nostra melina.



Ginevra

Delle problematiche di Ginevra non se n’era accorto nessuno, ma poco importava, la gravidanza l’avremmo portata a termine comunque. Mentre i medici ce la presentavano, Daniele non li ascoltava neanche e chiedeva solo di poterla vedere. È stato quello il momento in cui abbiamo realizzato di doverci preparare a un qualcosa che non avevamo previsto, un problema da dover affrontare di petto, da subito. I pensieri erano tanti, ci domandavamo cosa ne sarebbe stato di lei, del suo futuro. Abbiamo capito presto che bisognava concentrarsi non tanto sul domani ma a ciò che avremmo potuto fare per lei ogni giorno, al suo fianco.



La nascita di Diego

Sono iniziate le visite, i controlli, le paure, le notti in ospedale, i pianti. Occasioni che hanno fatto crescere me, Daniele e anche la nostra piccola, ci hanno unito tantissimo. Una prova? Diego. Lo abbiamo voluto dopo soli venti mesi, andando contro il volere dei medici. Ci dicevano di aspettare e che non era il caso vista la situazione, ma a noi non interessava. Pensandoci, se non l’avessimo fatto Ginevra non sarebbe quella che è oggi. Sarebbe cresciuta sotto una campana di vetro e noi questo non lo volevamo.



L’arrivo a Firenze

Un giorno Ginevra si è sentita male, così hanno deciso di traferirla dall’ospedale di Pisa al Meyer di Firenze. Ci dicevano che la situazione era molto grave e che non ce l’avrebbe fatta, eravamo distrutti. Non lo auguro a nessuno, sono momenti in cui vorresti che tutto fosse solo un incubo da cui potersi risvegliare, ma non era così. In quei giorni non ci siamo mai scollati dall’ospedale. Dormivamo nei corridoi, ci lavavamo nei bagni, stavamo là dalla mattina alla mattina dopo. I medici ci consigliavano di andare a riposare, ma dove potevamo andare? Ogni secondo poteva cambiare la situazione, noi non andavamo da nessuna parte!



Casa Ronald

Dopo cinque giorni di adattamento nei corridoi siamo stati fortunati, abbiamo trovato Casa Ronald. Io non la conoscevo, assolutamente. Siamo rimasti molto colpiti dall’ambiente, dalla pulizia. Ci ha stupito molto l’accoglienza dei volontari e del personale, persone stupende, che nonostante fossimo devastati e non avessimo nessuna voglia di parlare, sono riusciti a strapparci dei sorrisi. E ripeto, in quei momenti lì non hai voglia. Non vedi l’ora di andare su, di lavarti, di chiudere gli occhi, perché sai che la mattina dopo li devi riaprire per tornare in ospedale. Dormi per sfinimento, perché altrimenti non dormiresti.



Sentirsi in famiglia

Quando poi in Casa Ronald è arrivato anche Diego e ci siamo ricongiunti, è cambiato tutto. Ginevra lo ha visto entrare dalla porta e ha alzato le braccia per stringerlo forte. Se non fossimo stati ospiti qui, non so quanto avremmo retto la situazione. Non eravamo a casa nostra, ma lo eravamo lo stesso. A qualsiasi ora tornavi, c’era qualcuno che ti chiedeva com’era andata, un’altra mamma, un papà, pronti ad ascoltarti. C’era qualcuno a cui poter parlare del desiderio di Ginevra una volta uscita dall’ospedale. Potergli dire che una volta tornata a casa, ci saremmo buttati tutti e quattro sul lettone a farci le coccole.



Se vuoi aiutare tante altre famiglie come quella di mamma Irene, papà Daniele, Ginevra e Diego, scopri come donare il tuo 5x1000 a Fondazione Ronald

Condividi la storia

Rimani aggiornato sulle nostre iniziative e sui programmi in favore delle famiglie

Cliccando su prosegui dichiari di aver letto l’informativa di Fondazione per l’Infanzia Ronald McDonald Italia
Acconsento al trattamento dei miei dati personali per ricevere comunicazioni personalizzate*

Controlla i campi obbligatori

Rimani aggiornato sulle nostre iniziative e sui programmi in favore delle famiglie

Articoli correlati

Casa Ronald è quella casa che può dirsi anche casa tua

Storie delle famiglie

Casa Ronald è quella casa che può dirsi anche casa tua

Storia di Claudia, mamma di Casa Ronald Brescia

Leggi la storia
Fondazione Ronald arriva a Milano

Storie delle famiglie

A Casa come a casa

La storia di Chiara, mamma di Sofia e Viola, ospiti di Casa Ronald Firenze.

Leggi la storia
Quel “pezzetto” del nostro cuore

Storie delle famiglie

Quel “pezzetto” del nostro cuore

Storia di Vito, papà di Leonardo e ospite a Casa Ronald Bellosguardo

Leggi la storia
Da una grande famiglia a una molto più grande

Storie delle famiglie

Da una grande famiglia a una molto più grande

Storia di Roberta, mamma di Nicolò e ospite a Casa Ronald Bellosguardo

Leggi la storia
Qui, sorridono sempre tutti

Storie delle famiglie

«Qui, sorridono sempre tutti»

Storia di Nerea, ospite a Casa Ronald Bellosguardo

Leggi la storia
Questa casa è davvero unica

Storie delle famiglie

Questa casa è davvero unica

Storia di Olga e del piccolo Svjatoslav, ospiti a Casa Ronald Palidoro

Leggi la storia
Ecco come nascono i legami di cuore

Storie delle famiglie

Ecco come nascono i legami di cuore

Storia di Atidzhe, mamma di Volkan e Koray

Leggi la storia
Riunirsi e rinascere

Storie delle famiglie

Riunirsi e rinascere

Storia di Elsaid, papà di Ahmed

Leggi la storia
Una riunione di famiglia

Storie delle famiglie

Una riunione di famiglia

Storia di Mildred, mamma di Samuel

Leggi la storia
L' unione fa la forza

Storie delle famiglie

L' unione fa la forza

Storia di Adelina, mamma di Agostino e Rita

Leggi la storia
La cicogna arriva a casa Ronald

Storie delle famiglie

La cicogna arriva a casa Ronald

Storia di Consuelo, neomamma di Rachele

Leggi la storia
Correre fa bene

Storie delle famiglie

Correre fa bene

Ciaooo! Sono Luis Fernando, ho nove anni e vengo dal Venezuela. Casa Ronald è la mia...

Leggi la storia
Oroscopo dei gemelli

Storie delle famiglie

L' Oroscopo dei gemelli

È l’ultimo dell’anno e mamma Deborah si ferma a fare un bilancio del 2017, con un augurio: che non si ripeta nel 2018.

Leggi la storia
Se un giorno, in ospedale, una visita...

Storie delle famiglie

Se un giorno, in ospedale, una visita...

La salute di sua figlia sembrava abbandonata a se stessa, ma quel giorno in ospedale c’era una visita, e non era la visita di un medico.

Leggi la storia
Eleonora e la spinta invisibile.

Storie delle famiglie

Eleonora e la spinta invisibile

Eleonora, 5 anni, segnati da terapie e controlli. Ma i genitori riescono a trovare un “qualcosa” che dà loro la forza per proseguire la battaglia. Un po’ per caso.

Leggi la storia
Chi semina affetto raccoglie amicizia.

Storie delle famiglie

Chi semina affetto raccoglie amicizia

Cosa accade in un piccolo borgo, se due genitori hanno una figlia in difficoltà? Lo hanno scoperto Sara e Alfredo, con la piccola Lucia.

Leggi la storia
Ospedale “Sliding Doors

Storie delle famiglie

Ospedale “Sliding Doors"

4 interventi in pochi mesi, dentro e fuori dall’ospedale, vite stravolte nella famiglia di Alice, ma un giorno una porta si apre...

Leggi la storia
Quello che non ti aspetti

Storie delle famiglie

Quello che non ti aspetti

Sorpresa e stupore illuminavano gli occhi di Roberto, quel giorno all’uscita dall’ospedale. Cosa c’era ad attenderlo dopo il trapianto?

Leggi la storia
Lo stesso giorno, in quello stesso ospedale

Storie delle famiglie

Lo stesso giorno, in quello stesso ospedale

Stesso luogo, stesso istante, stesse persone, ma stati d’animo opposti, entrambi giustificati. Quel giorno al pronto soccorso di Ancona.

Leggi la storia
Nel ruolo del padre

Storie delle famiglie

Nel ruolo del padre

Difficile essere papà quando al figlio 16enne arriva una diagnosi, che ti pone degli interrogativi.

Leggi la storia
Matei, Emilia e la cura dell’amicizia

Storie delle famiglie

Matei, Emilia e la cura dell’amicizia

La cosa peggiore per chi lotta per la salute? Sentirsi soli. E la cosa più bella? L’ha scoperta Emilia, mamma di Matei.

Leggi la storia

Cosa puoi fare tu