Storie delle famiglie

06/04/2017

Nel ruolo del padre

Nel ruolo del padre

Riceviamo la testimonianza di Alberto, padre di un ragazzo di 16 anni colpito all’improvviso da una malattia dalla prognosi totalmente incerta. Entrambi ospiti di Casa Ronald Roma Bellosguardo. L'occasione porta Alberto a interrogarsi sul difficile ‘mestiere’ di padre e su molto altro. Il ruolo di genitore è sempre una “coperta troppo corta”: se tiri da un lato se ne scopre un altro. Nella scelta fra Protezione e Libertà, per esempio, come fai a non sbagliare? È una formazione, la nostra, che avviene sul campo, e non si finisce mai di imparare. E se è già difficile in una situazione “normale”, diventa molto complicato quando a tuo figlio arriva la diagnosi di una grave malattia con prognosi incerta. È come governare un’imbarcazione: non è mai facile, ma in un giorno di sole può essere piacevole, diventa tutt’altra cosa in una tempesta. Quando il medico ti dà la diagnosi, tutto si stravolge in un secondo. Quello che si è costruito per 16 anni (l’età del nostro ragazzo) viene spazzato via. Un nuovo scenario, dove giusto e sbagliato diventano ancora più confusi. La cura è iniziata appena dopo la diagnosi con grandi dosi di chemioterapia e non pochi problemi. Ma la malattia non se ne andava. Per tentare ogni possibilità mi metto in contatto con un ospedale di Roma, ci trasferiamo lì, e dopo pochi giorni veniamo ospitati a Casa Ronald Roma Bellosguardo.
Mentre le cure, fortunatamente, procedevano per il meglio mi rendevo conto di quanto fosse importante quella Casa. Il lavoro dello staff, l’accoglienza, i servizi offerti, le attività proposte e una continua attenzione a certi aspetti importanti per la salute dei bambini la rendono ideale per condividere assieme questo percorso di vita. Mio figlio fin da subito ha avuto modo di intrecciare relazioni con altri ragazzi, sia pazienti che volontari. Posso dire di aver visto bambini, ragazzi e genitori giocare, sorridere, aiutarsi, ascoltarsi, come una grande famiglia che affronta assieme brutti e bei momenti. Mi ha colpito come si formi un forte legame con persone di culture e religioni diverse. Abbiamo condiviso il nostro soggiorno con 14 famiglie di Russia, Ucraina, Romania, Albania, Kosovo, Serbia, Grecia, Libano, Venezuela e Ruanda. Ogni persona in questa Casa offre una parte di sé per alleviare la sofferenza altrui e per questo ringrazio tutti di cuore. Casa Ronald è per noi un porto sicuro durante una tempesta inaspettata.

Condividi la storia

Rimani aggiornato sulle nostre iniziative e sui programmi in favore delle famiglie

Cliccando su prosegui dichiari di aver letto l’informativa di Fondazione per l’Infanzia Ronald McDonald Italia
Acconsento al trattamento dei miei dati personali per ricevere comunicazioni personalizzate*

Controlla i campi obbligatori

Rimani aggiornato sulle nostre iniziative e sui programmi in favore delle famiglie

Articoli correlati

Casa Ronald è quella casa che può dirsi anche casa tua

Storie delle famiglie

Casa Ronald è quella casa che può dirsi anche casa tua

Storia di Claudia, mamma di Casa Ronald Brescia

Leggi la storia
A casa, lontani da casa

Storie delle famiglie

A casa, lontani da casa

Storia di Irene, mamma di Casa Ronald

Leggi la storia
Fondazione Ronald arriva a Milano

Storie delle famiglie

A Casa come a casa

La storia di Chiara, mamma di Sofia e Viola, ospiti di Casa Ronald Firenze.

Leggi la storia
Quel “pezzetto” del nostro cuore

Storie delle famiglie

Quel “pezzetto” del nostro cuore

Storia di Vito, papà di Leonardo e ospite a Casa Ronald Bellosguardo

Leggi la storia
Da una grande famiglia a una molto più grande

Storie delle famiglie

Da una grande famiglia a una molto più grande

Storia di Roberta, mamma di Nicolò e ospite a Casa Ronald Bellosguardo

Leggi la storia
Qui, sorridono sempre tutti

Storie delle famiglie

«Qui, sorridono sempre tutti»

Storia di Nerea, ospite a Casa Ronald Bellosguardo

Leggi la storia
Questa casa è davvero unica

Storie delle famiglie

Questa casa è davvero unica

Storia di Olga e del piccolo Svjatoslav, ospiti a Casa Ronald Palidoro

Leggi la storia
Ecco come nascono i legami di cuore

Storie delle famiglie

Ecco come nascono i legami di cuore

Storia di Atidzhe, mamma di Volkan e Koray

Leggi la storia
Riunirsi e rinascere

Storie delle famiglie

Riunirsi e rinascere

Storia di Elsaid, papà di Ahmed

Leggi la storia
Una riunione di famiglia

Storie delle famiglie

Una riunione di famiglia

Storia di Mildred, mamma di Samuel

Leggi la storia
L' unione fa la forza

Storie delle famiglie

L' unione fa la forza

Storia di Adelina, mamma di Agostino e Rita

Leggi la storia
La cicogna arriva a casa Ronald

Storie delle famiglie

La cicogna arriva a casa Ronald

Storia di Consuelo, neomamma di Rachele

Leggi la storia
Correre fa bene

Storie delle famiglie

Correre fa bene

Ciaooo! Sono Luis Fernando, ho nove anni e vengo dal Venezuela. Casa Ronald è la mia...

Leggi la storia
Oroscopo dei gemelli

Storie delle famiglie

L' Oroscopo dei gemelli

È l’ultimo dell’anno e mamma Deborah si ferma a fare un bilancio del 2017, con un augurio: che non si ripeta nel 2018.

Leggi la storia
Se un giorno, in ospedale, una visita...

Storie delle famiglie

Se un giorno, in ospedale, una visita...

La salute di sua figlia sembrava abbandonata a se stessa, ma quel giorno in ospedale c’era una visita, e non era la visita di un medico.

Leggi la storia
Eleonora e la spinta invisibile.

Storie delle famiglie

Eleonora e la spinta invisibile

Eleonora, 5 anni, segnati da terapie e controlli. Ma i genitori riescono a trovare un “qualcosa” che dà loro la forza per proseguire la battaglia. Un po’ per caso.

Leggi la storia
Chi semina affetto raccoglie amicizia.

Storie delle famiglie

Chi semina affetto raccoglie amicizia

Cosa accade in un piccolo borgo, se due genitori hanno una figlia in difficoltà? Lo hanno scoperto Sara e Alfredo, con la piccola Lucia.

Leggi la storia
Ospedale “Sliding Doors

Storie delle famiglie

Ospedale “Sliding Doors"

4 interventi in pochi mesi, dentro e fuori dall’ospedale, vite stravolte nella famiglia di Alice, ma un giorno una porta si apre...

Leggi la storia
Quello che non ti aspetti

Storie delle famiglie

Quello che non ti aspetti

Sorpresa e stupore illuminavano gli occhi di Roberto, quel giorno all’uscita dall’ospedale. Cosa c’era ad attenderlo dopo il trapianto?

Leggi la storia
Lo stesso giorno, in quello stesso ospedale

Storie delle famiglie

Lo stesso giorno, in quello stesso ospedale

Stesso luogo, stesso istante, stesse persone, ma stati d’animo opposti, entrambi giustificati. Quel giorno al pronto soccorso di Ancona.

Leggi la storia
Matei, Emilia e la cura dell’amicizia

Storie delle famiglie

Matei, Emilia e la cura dell’amicizia

La cosa peggiore per chi lotta per la salute? Sentirsi soli. E la cosa più bella? L’ha scoperta Emilia, mamma di Matei.

Leggi la storia

Cosa puoi fare tu