Fondazione per l'infanzia Ronald McDonald Italia

Dona il 5x1000

Quando la malattia li separa, c'è una firma che li avvicina. La tua.

Ogni anno con 4 Case Ronald e 2 Family Room ospitiamo migliaia di famiglie e offriamo la possibilità ai genitori di stare vicino ai propri figli durante il periodo di cura o terapia ospedaliera. Con il tuo 5 per mille puoi tenere unite tante famiglie e contribuire ad accoglierle in una vera casa.

Mamma e figlia

Aiutarci è semplice e non costa nulla

Puoi contribuire alla nostra causa devolvendo il tuo 5x1000 a Fondazione Ronald. È facile! Basta una firma nell’apposito spazio sulla dichiarazione dei redditi, riportando il nostro codice fiscale:

97234130157

Tante famiglie accolte, soprattutto grazie a te.

Con il tuo sostegno in questi anni abbiamo ospitato più di 37.000 famiglie nelle Case Ronald e Family Room. Averti al nostro fianco, è davvero importante per continuare ad accogliere sempre più famiglie in un’ambiente familiare e accogliente.

Approfondisci
Bambino con maestra

Dimostra il tuo sostegno a Fondazione Ronald. Crea la card con la tua firma.

Crea la tua card
La tua card

Mostraci il tuo supporto anche sui social. Personalizza l’immagine profilo con il nostro motivo.

Aggiorna la tua foto
Immagine di profilo

FAQ

Il 5x1000 è una quota di imposte a cui lo Stato rinuncia e destina alle organizzazioni no-profit per sostenerle. Proviene dall’imposta sul reddito delle persone fisiche – IRPEF – come stabilito dalla Legge Finanziaria del 2006.

Chiunque presenti la dichiarazione dei redditi può scegliere di destinare il proprio 5x1000 per sostenere enti no profit, o per finanziare la ricerca scientifica, o universitaria e sanitaria.

Il 5 per mille non sostituisce l'otto per mille destinato alle confessioni religiose. Sono due possibilità diverse ed è possibile utilizzarle entrambe per destinare parte delle proprie imposte per fini diversi.

Il 5 per mille non è una tassa per cui non costa nulla!

Tutti coloro che fanno la dichiarazione dei redditi hanno la possibilità di destinare ad una specifica associazione il 5x1000 delle proprie tasse, presentando i modelli: REDDITI (Ex UNICO), CERTIFICAZIONE UNICA, MODELLO 730.

Sì, anche chi non presenta la dichiarazione dei redditi ha diritto di scegliere a chi destinare il 5x1000 delle tasse versate. Per farlo basta consegnare in banca o in ufficio postale la scheda integrativa per il 5x1000 contenuta nel CU in busta chiusa, su cui apporre la scritta "scelta per la destinazione del 5x1000 dell'IRPEF", con indicazione di nome, cognome e codice fiscale del contribuente.

Lo scopo dell’8x1000 è di offrire sostegno alla Chiesa di culto (confessioni e credo religiosi) mentre il 5x1000 è volto al sostegno di enti no profit, o per finanziare la ricerca scientifica, universitaria e sanitaria. Il 5x1000 non sostituisce, ma si aggiunge al meccanismo dell'8x1000. Entrambi permettono al contribuente la scelta di devolvere una parte delle proprie imposte sul reddito, ma non vanno confusi perché hanno formule di destinazione fiscale diverse.

Se dimentichi di inserire lo specifico codice fiscale a cui vuoi destinare il 5x1000, il tuo contributo verrà ripartito in maniera proporzionale alle associazioni appartenenti alla stessa categoria in base al numero di preferenze ricevute.

Nella legge di Bilancio 2019 sono state introdotte nuove scadenze che variano a seconda della categoria alla quale si appartiene.

Nel caso del Modello 730 le date termine sono:

– 7 luglio se la dichiarazione dei redditi è stata presentata dal contribuente attraverso il proprio sostituto d’imposta;

– 23 luglio, quando si invia la dichiarazione precompilata tramite un professionista abilitato (consulente del lavoro, contabile oppure commercialista), un CAF oppure per via telematica.

La scadenza per il Modello Unico è il 31 ottobre e la presentazione avviene per via telematica. Ciò vale per i sostituti di imposta. La stessa data termine riguarda anche:

  • i redditi esenti da lavoro autonomo, i contribuenti forfettari e minimi attraverso le certificazioni uniche (CU);

  • la trasmissione telematica delle dichiarazioni correttive riguardanti il precedente periodo d’imposta;

  • la compilazione del registro dei beni ammortizzabili;

  • la comunicazione delle opzioni oppure delle revoche dei regimi contabili per i soggetti esenti e dei regimi di determinazione dell’imposta;

  • la trasmissione delle dichiarazioni integrative per via telematica riferibile al periodo d’imposta di due anni precedenti.

Cosa puoi fare tu