Notizie dalle case

04/05/2020

Dall’ospitare pazienti all’accogliere personale sanitario per fronteggiare l’emergenza COVID-19

Una Casa vicino all’ospedale in cui lavoro
Mi chiamo Letizia e sono un’infermiera. Da 9 anni faccio la pendolare tra Roma e Firenze, dove lavoro. Quando è scoppiata la pandemia i treni per Roma sono stati cancellati quasi tutti e non potendo tornare a casa sono rimasta qui a Firenze. Non avrei saputo dove andare se non fossi stata accolta a Casa Ronald ma soprattutto non avrei potuto lavorare e, in questo momento, è davvero impensabile. Questo posto è stato la mia salvezza!

Il mio arrivo a Casa Ronald
Quando sono arrivata ero un po' scettica, un po' spaventata, mi sono dovuta adeguare a delle regole ma poi mi sono accorta che il posto è bellissimo, è sicuro, è accogliente. Lo staff sin da subito mi ha fatto sentire a casa, anticipando le mie necessità e rispondendo tempestivamente alle mie richieste.

Un ricordo dolcissimo
Non scorderò mai la vigilia di Pasqua quando sono rientrata dall’ospedale, dopo un turno parecchio intenso, e mi hanno fatto trovare l'uovo di cioccolata e la colomba. Essendo lontana dalla famiglia, senza nessuno che potesse venire a trovarmi, ricevere questi due regali mi ha commosso perché mi ha fatto sentire davvero a casa. È stato un gesto d'affetto molto importante per me.

Lo staff si è preso cura di me
Le persone che ho conosciuto qui mi hanno dimostrato che quando sei portato a dare accoglienza e conforto in una situazione normale, riesci a farlo anche a dispetto della mascherina e delle distanze di sicurezza che tutti dobbiamo adottare. In un periodo così difficile, lo staff di Casa Ronald sta lavorando da attore e non da spettatore di questa crisi.
Sicuramente tornerò a trovarli quando tutto finirà perché da quando mi hanno aperto la porta di Casa Ronald sono entrati nel mio cuore.

Per noi essere vicini a chi ha bisogno è parte del nostro DNA e, in un momento difficile come quello che stiamo vivendo, vogliamo sostenere chi ogni giorno si prende cura di chi ha bisogno. Nel pieno dell’emergenza COVID-19, abbiamo voluto offrire il nostro contributo a chi in queste settimane è in prima linea, e abbiamo messo a disposizione la Casa Ronald di Firenze per accogliere il personale medico sanitario dell’Ospedale Meyer che a causa dell’impegno in emergenza COVID-19 ha bisogno di un alloggio protetto. Medici, infermieri e operatori che provengono da altre città o che hanno necessità di un punto di ristoro, infatti, possono usufruire degli spazi di Casa Ronald, grazie a accordo stipulato con l’Azienda ospedaliero-universitaria Meyer.

Condividi la storia

Rimani aggiornato sulle nostre iniziative e sui programmi in favore delle famiglie

Cliccando su prosegui dichiari di aver letto l’informativa di Fondazione per l’Infanzia Ronald McDonald Italia
Acconsento al trattamento dei miei dati personali per ricevere comunicazioni personalizzate*

Controlla i campi obbligatori

Rimani aggiornato sulle nostre iniziative e sui programmi in favore delle famiglie

Articoli correlati

Cessione di uso grtuito

Notizie dalle case

È stata rinnovata per altri 6 anni la cessione di uso gratuito di Casa Ronald Brescia

Una collaborazione che ci riempie il cuore di gioia perché ci permette di continuare a lavorare insieme per uno scopo comune

Leggi la storia
Ancora più vicini all’Ospedale Meyer di Firenze

Notizie dalle case

Ancora più vicini all’Ospedale Meyer di Firenze

La nostra Casa Ronald di Firenze collabora da sempre con l’Ospedale pediatrico Meyer

Leggi la storia
Restiamo a casa ma senza isolarci

Notizie dalle case

Restiamo a casa ma senza isolarci.

Testimonianza di Eleonora Corica, House Manager di Casa Ronald Roma Bellosguardo.

Leggi la storia
Cari amici, volontari e sostenitori, vi chiediamo aiuto

Notizie dalle case

Cari amici, volontari e sostenitori, vi chiediamo aiuto.

Le nostre Case Ronald di Brescia, Firenze e Roma che ospitano le famiglie con i bambini in cura negli ospedali pediatrici di queste città, sono piene.

Leggi la storia
La giusta distanza non esiste

Notizie dalle case

La giusta distanza non esiste

Nel lavoro di un operatore di una Casa Ronald ci sono momenti in cui il cuore prende il sopravvento.

Leggi la storia
Hospitality à la Carte

Notizie dalle case

Hospitality à la Carte

Dal 24 gennaio 2019 presso gli Spedali Civili di Brescia, nei reparti di Oncoematologia, CTMO, Pediatria, Chirurgia, Ortopedia-Otorinolaringoiatria, è attivo il servizio Hospitality à la carte.

Leggi la storia
Un principe in Casa Ronald Bellosguardo

Notizie dalle case

Un principe in Casa Ronald Bellosguardo

Sono sempre di più coloro che, prendendo a cuore la nostra missione, ci fanno sentire il loro supporto

Leggi la storia
Storia di Sonia (nella foto a destra), direttrice del ristorante McDonald’s di Busto Arsizio (VA) in visita a Casa Ronald Roma Palidoro

Notizie dalle case

Un giorno come pochi

Storia di Sonia, direttrice del ristorante McDonald’s di Busto Arsizio (VA) in visita a Casa Ronald Roma Palidoro

Leggi la storia
La nuova reception di Casa Ronald Firenze

Notizie dalle case

I nuovi ambienti di Casa Ronald Firenze

Il 26 giugno Casa Ronald Firenze ha inaugurato il portico

Leggi la storia
Con “Spiaggia Libera Tutti!” nessuno è escluso

Notizie dalle case

Con “Spiaggia Libera Tutti!” nessuno è escluso

Lo staff e i volontari di Casa Ronald Roma Palidoro comunicano che i lavori al progetto “Spiaggia Libera Tutti!” sono finalmente stati ultimati!

Leggi la storia
I veri eroi sono altri

Notizie dalle case

I veri eroi sono altri

Storia di Marco, staff di Casa Ronald Roma Bellosguardo

Leggi la storia
Questa casa non è un albergo

Notizie dalle case

Questa casa non è un albergo!

Storia di Luca, dipendente di Casa Ronald

Leggi la storia
Indovina chi viene a Casa (Ronald)?

Notizie dalle case

Indovina chi viene a Casa (Ronald)?

Chi sarà il visitatore che verrà a bussare alla nostra porta fra breve? Prova a indovinare.

Leggi la storia
Conoscevate il carnevale di Brescia?

Notizie dalle case

Conoscevate il carnevale di Brescia?

È colorato, è pieno di bambini, è sfrenato, e ha una sola regola. Andiamo a scoprire.

Leggi la storia

Cosa puoi fare tu